Seleziona una pagina
Artisti Vari
Circolo Magnolia
Tra i paladini della nuova generazione psichedelica inglese, capaci di creare melodie vintage, lisergiche e senza tempo, raccomandati da Johnny Marr e Noel Gallagher come la migliore nuova band del Regno Unito. Un esordio brillante, nerboruto ed eclettico (Sun Structure del 2014), poi però un secondo disco troppo manierista e barocco (Volcano del 2017) e un batterista uscito dal gruppo lanno successivo (Samuel Tomps).

Eppure i Temples non hanno ancora esaurito le proprie cartucce, si sono rintanati nella casa di campagna del frontman e hanno riallacciato il feeling con lo psych rock anni 60/70, concentrandosi sulle chitarre e sfornando Hot Motion. Compatto, stilisticamente equilibrato e curato in ogni dettaglio, è un album che vive di chitarre suonate e romanticismo citazionista, ma che in fondo sogna la freschezza del pop. Attenti però a non scambiarli per i (primi) Tame Impala.